Pubblicazioni

Ingegneri a Pavia tra formazione e professione, per una storia della Facoltà di Ingegneria nel quarantesimo della rifondazione

a cura di Virginio Cantoni e Alessandra Ferraresi
Istituto Editoriale Universitario Cisalpino, Milano, 2007

visualizza il contributo

Storia delle telecomunicazioni

a cura di Virginio Cantoni, Gabriele Falciasecca, Giuseppe Pelosi
Firenze University Press, 2011

Storia dell’Ingegneria. Atti del 2° Convegno NazionaleNapoli, 7-8-9 aprile 2008, tomo primo e secondo
a cura di Salvatore D’Agostino
Cuzzolin Editore, Napoli 2008
Storia dell’Ingegneria. Atti del 1° Convegno NazionaleNapoli, 8-9 marzo 2006, tomo primo e secondo
a cura di Alfredo Buccaro, Giulio Fabricatore, Lia Maria Papa
Cuzzolin Editore, Napoli 2006

Alle radici dela moderna ingegneria
Competenze e opportunità nella Firenze dell’Ottocento
Franco Angotti, Giuseppe Pelosi, Simonetta Soldani
Firenze University Press, 2010
ISBN: 978-88-6453-138-0

visualizza il contributo

Storia della Tecnica Elettrica

a cura di Virginio Cantoni e Andrea Silvestri
Istituto Editoriale Universitario Cisalpino, Milano, 2009.

Visualizza il contributo

Quaderni 7: La formazione e la professione dell’ingegnere: qualità e accreditamento nel confronto europeo

A cura di: Claudio Borri e Alberto Tesi
Il presente Quaderno raccoglie gli atti del Convegno “La formazione e la professione dell’ingegnere in un contesto europeo”, tenutosi a Firenze nel maggio 2008. Si tratta di un tema che coinvolge questioni generali e di fondamentale importanza per il sistema universitario italiano quali la valutazione della qualità delle università, considerate come istituzioni, della ricerca e della didattica, e l’accreditamento dei corsi di studio e delle strutture universitarie su cui si è molto dibattuto a livello nazionale, ma poche finora sono state le iniziative ministeriali concrete, peraltro senza la definizione di un quadro organico di insieme. Le facoltà di ingegneria hanno, da parte loro, dimostrato una forte sensibilità sui temi della valutazione e dell’accreditamento della formazione degli ingegneri, rendendosi protagoniste di diverse iniziative autonome. Per tale motivo è sembrato opportuno organizzare un convegno centrato su qualità, certificazione e accreditamento.

Quaderni 6: L’attuazione della riforma degli ordinamenti nella macroarea tecnica architettura-design-ingegneria, 2008.

a cura di L. Ippolito e A. Lambiase
Questo Quaderno raccoglie i saggi (le relazioni e i principali interventi) messi a punto per e a valle del seminario di studi della macroarea tecnica, tenuto all’Università degli Studi di Salerno il 22 marzo 2007: il primo del ciclo di Seminari di area, dedicati alla riflessione e alla verifica della didattica nella direzione del Processo di Bologna e nella prospettiva dei nuovi ordinamenti didattici, promosso dal Coordinamento Nazionale delle Conferenze dei Presidi di Facoltà (Interconferenza) e dal gruppo Bologna Promoters.La pubblicazione, la settimana precedente il seminario, dei decreti ministeriali collegati al D. M. 270/2004 e la predisposizione da parte del Ministero delle Linee Guida per la loro attuazione, presentate proprio in occasione del Seminario di Salerno, hanno consentito di affrontare le incertezze diffuse sul D. M. 270/2004, sui decreti collegati, sulle Linee Guida e sui tempi di attuazione, e di pervenire ad alcune proposte/suggerimenti operativi sia per il Ministero sia per gli atenei, tanto di carattere generale quanto specificamente riferiti ai corsi di studio in architettura, design, ingegneria.Nell’ambito del quadro delineato dai vari interventi sono state effettuate le prime revisioni degli ordinamenti, ai sensi del citato D. M. 270/2004: Tale quadro, tuttora attuale, può pertanto essere di riferimento nella revisione dei corsi ancora attivati in regime previgente e nell’attivazione di nuovi corsi di studio dell’area tecnica.

Quaderni 5: RE-ENGINEERING ENGINEERING: la formazione dell’ingegnere globale, 2008.

A cura di V. Cantoni
Questo quaderno raccoglie gli interventi del convegno “Re-engineering Engineering: la Formazionedell’Ingegnere Globale”, organizzato dalla Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria, che si è tenuto a Pavia il 25 settembre 2007, in occasione delle celebrazioni per il 40° anniversario della Facoltà.La giornata è stata dedicata a una riflessione sulla figura dell’ingegnere nelle problematiche attuali, conseguenza dei grandi cambiamenti tecnologici e della pratica nell’ingegneria, ai quali non sempre hanno corrisposto adeguati cambiamenti nei curricula. In particolare si è discusso sulla formazione necessaria per affrontare il futuro nella società globalizzata, sempre più competitiva in un contesto caratterizzato da ritmo di innovazione sostenuto e con accelerazioni improvvise.

Quaderni 4: L’accreditamento degli studi di Ingegneria. Il progetto EUR-ACE, 2008

A cura di Giuliano Augusti e Alfredo Squarzoni
Il quaderno presenta il Progetto European Accredited Engineer (EUR-ACE), finanziato nell’ambito del programma SOCRATES, il cui scopo principale è stato quello di definire un quadro di riferimento per l’accreditamento dei corsi di studio in ingegneria nel contesto dello spazio europeo dell’istruzione superiore, e sulla base del quale è stato avviato il progetto EUR-ACE Implemantation, attualmente in corso.
In particolare, si è cercato di dare evidenza della coerenza degli standard EUR-ACE con i descrittori dei risultati dell’apprendimento, gli standard e linee guide per l’assicurazione della qualità adottati a livello europeo, oltre che con gli obiettivi di apprendimento stabiliti dai decreti nazionali relativi alle classi dei corsi di laurea e di laurea magistrale in ingegneria. Sono anche evidenziati i comportamenti che i corsi di studio dovrebbero adottare al fine di verificare gli standard per l’accreditamento EUR-ACE, per quanto riguarda, in particolare, l’assicurazione della loro qualità.

Quaderni 3: Gli immatricolati nelle facoltà di ingegneria dal 1998 al 2006, 2007.

A cura di M. Fiorentino e G. Vernazza
Questo Quaderno si propone di fornire una descrizione esaustiva dell’impatto della riforma degli ordinamenti didattici sulle facoltà di ingegneria. Fotografa in termini quantitativi alcuni cambiamenti che hanno caratterizzato l’evoluzione che il sistema delle scuole di ingegneria ha avuto a seguito della riorganizzazione dei percorsi formativi attuata a partire dal 1999, anche in vista dell’ulteriore spinta al processo di riforma dettata dall’attuazione del D. M. 270/04.

Restituire, seppure a livello macro, una fotografia dei cambiamenti quantitativi che hanno interessato le facoltà di ingegneria a partire dal 1998 e fino al 2006, sia in termini di corsi di studio offerti nelle varie classi sia in termini di immatricolati, può probabilmente servire a fornire informazioni che possono supportare le decisioni che gli organi di gestione dei corsi di studio sono chiamati a prendere in questo momento.

Quaderni 2: La riforma degli studi nelle facoltà di ingegneria: risultati, problemi e prospettive, 2007.

A cura di A. Vicino
Questo libro raccoglie gli atti della giornata di studio svoltasi a Siena, il 4 novembre 2005: la seconda organizzata dalla Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria, per riflettere sull’attuazione della riforma degli studi introdotta dal D. M. 509/99, dopo quella tenuta a Salerno nel 2002.I vari interventi permettono di delineare un quadro dello stato di applicazione della riforma degli studi universitari, a sei anni dall’entrata in vigore della nuova normativa e dopo che tutte le facoltà di ingegneria italiane hanno ormai completato un intero ciclo di studi del 3+2.Gli aspetti positivi e gli elementi critici riscontrati nel progetto e nell’attuazione dei nuovi ordinamenti didattici che emergono dai vari contributi, costituiscono un punto di partenza importante nella prossima applicazione della riforma introdotta dal D. M. 270 dell 2004.

Quaderni 1: La storia dell’ingegneria e degli studi di ingegneria a Palermo e in Italia, 2006.

A cura di V. Cardone e F. P. La Mantia
Questo libro raccoglie gli atti della giornata di studio svoltasi a Palermo, il 27 gennaio2006, come evento inaugurale per la Facoltà di Ingegneria delle manifestazioni del bicentenario della fondazione dell’Università di Palermo.La Facoltà di Ingegneria di Palermo è stata istituita come Regia Scuola di Applicazione già nel 1860, ed è quindi la seconda attivata in Italia dopo quella di Torino, ma iniziò effettivamente i corsi solo 6 anni dopo.A quasi 150 anni dalla sua nascita la Facoltà – circa 7000 studenti e 1500 immatricolati, più di 300 docenti, 18 corsi di laurea triennale e 13 di laurea specialistica, oltre all’offerta erogata in teledidattica – ha voluto riflettere sulla sua storia e sul suo futuro, confrontandosi con la storia e con il futuro degli studi di ingegneria in Italia.

Pagina 4 di 41234