Chi siamo

La Conferenza per l’Ingegneria si propone di:

a) approfondire in modo collegiale lo studio di problemi comuni, confrontare le posizioni delle Strutture accademiche di appartenenza e rappresentarne le esigenze agli organi competenti (Ministero, CRUI, CUN) e all’opinione pubblica;
b) proporre provvedimenti, anche legislativi per il miglioramento dell’ordinamento e del funzionamento delle Strutture accademiche, elaborare strategie e favorire ogni possibile interazione con gli organi competenti in merito alle politiche d’incentivazione e sostegno della ricerca e di reclutamento nelle Università;
c) dare indicazioni alle Strutture accademiche sulle scelte che autonomamente devono assumere riguardo a problemi d’interesse generale, allo scopo di tendere a soluzioni condivise di tali problemi;
d) interagire con gli enti di ricerca, con gli organi rappresentativi nazionali del mondo accademico, con le società scientifiche e con le associazioni del mondo produttivo per presentare la posizione delle strutture accademiche di Ingegneria;
e) assumere ogni iniziativa nell’interesse generale delle Strutture accademiche e, in particolare:

promuovere iniziative atte a favorire l’accesso agli studi di Ingegneria di allievi motivati e meritevoli e l’orientamento alla scelta del percorso universitario, anche in raccordo con gli istituti di istruzione secondaria;
promuovere un insegnamento dell’Ingegneria coerente con il progresso delle scienze e delle tecnologie, mediante la formazione di ingegneri scientificamente e tecnicamente competenti ed eticamente sensibili;
elaborare strategie per l’inserimento nel mondo produttivo e nell’amministrazione pubblica dei laureati e dei dottori di ricerca in Ingegneria;
promuovere la conoscenza dello stato dell’insegnamento dell’Ingegneria, del ruolo dell’Ingegneria nella società e delle ricadute della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico;
promuovere la valutazione e il processo di accreditamento dei corsi di studio in Ingegneria e contribuire allo sviluppo e al perfezionamento dei processi di valutazione della qualità della didattica e della ricerca nell’ambito dell’Ingegneria;
promuovere il reciproco riconoscimento dei titoli di studio nell’ambito degli altri paesi, con particolare riferimento all’Unione Europea;
contribuire a promuovere le relazioni internazionali delle Strutture accademiche, anche mediante la sottoscrizione di protocolli di intesa e di accordi quadro di cooperazione con omologhe organizzazioni straniere.